Tag

, , , , , ,

Dopo essere comparso in diversi gameplay trailers di videogiochi (come World of Warcraft, Halo e Nasuto), il polistrumentista NeroArgento (al secolo Alessio Ferrero) ha pubblicato “Three Hours Of Sun”, il primo disco ufficiale della sua carriera.

Registrato nel suo studio (Aexeron) e prodotto da Ettore Rigotti (Disarmonia Mundi), il lavoro contiene undici tracce, alcune delle quali già uscite (in un’altra versione) nell’autoprodotto “Self-Control Juice Manifesto”, del 2000. Anticipato dal singolo “Trust”, questo album mischia il metal con l’elettronica, e la capacità (oggettiva dell’artista) con una certa assenza di originalità. Il già sentito, quel suono che arriva dall’altra parte dell’oceano (anche se in alcuni punti ricorda i Nine Inch Nails o i Linkin Park, poco importa), si avverte per l’intero ascolto del disco.

A canzoni riuscite come “Trust”, “Go Baby Gone” e “Helpless Like You”, si affiancano brani molto meno convincenti e più dozzinali (come “Advertising Muse” e “Underneath A Sky Of Dust”). Il disco è distribuito anche all’estero, con  in più una versione speciale uscita appositamente per il mercato giapponese, che contiene l’aggiunta di “Helpless”, brano cantato da Yoko Hallelujah.

Tracklist:
01. Trust
02. Play us loud
03. Daedalus calls
04. Helpless like you
05. The antidote
06. Advertising muse
07. Foreground
08. Save from myself
09. Will you
10. Underneath a sky of dust
11. Go baby go

(Pubblicato su Fuori dal Mucchio)

Annunci